Contenuto principale

Messaggio di avviso

In allegato si pubblica la corcolare n° 28 riguardante la Validità dell’anno scolastico 2017/18, scuola secondaria di primo grado.

Il Collegio dei docenti della scuola Primaria dell’IC Piazza Filattiera, 84  in sede di programmazione curriculare ha definito, oltre alle  competenze disciplinari, agli obettivi di apprendimente,  agli standard di apprendimento per la valutazione,  il significato di assegnazione del voto complessivo.  

A tale scopo ha prodotto una griglia di valutazione disciplinare, qui di seguito riportata, in modo che uno stesso voto dato in discipline e in classi diverse sia applicato in modo univoco. Questo per permettere un migliore dialogo tra i docenti, tra docenti e alunni e tra docenti e genitori

L'art. 8 del DPR n. 122 del 22 giugno 2009, sancisce l'obbligo di descrizione e certificazione delle competenze acquisite dagli alunni al termine della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado.
Solo per la scuola secondaria di primo grado la valutazione va espressa in decimi, mentre per entrambi gli ordini viene rimandata all'autonomia delle scuole la redazione di un modello di certificazione da adottare.

Il modello qui di seguito riportato è adottato dall’IC Piazza Filattiera,84 nella scuola primaria e prevede tre livelli generali di competenze: base, intermedio, avanzato.

La scuola individua tre momenti nel processo valutativo:

  • Diagnosi iniziale, in base alla quale, insieme alla definizione dei bisogni si definiscono gli obiettivi;
  • Valutazione formativa che ha lo scopo di orientare al successo il processo di apprendimento dell’alunno focalizzando la sua attenzione sul metodo, le procedure di studio, di metodo e di lavoro;
  • Valutazione sommativa, che constata alla fine di un ciclo (ad es. quadrimestre) lo scarto eventuale tra la produzione dell’alunno e la norma attesa.

La valutazione viene effettuata attraverso l’osservazione, il dialogo e le rilevazioni sistematiche, con prove strutturate e non strutturate di vario genere. 

Secondo l’art. 3 comma 2/3 del D.L. n° 137 la valutazione periodica e annuale degli apprendimenti degli alunni e la certificazione delle competenze da essi acquisite è espressa in decimi.

Sono ammessi alla classe successiva ovvero all’esame di stato gli studenti che abbiano ottenuto un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina.

La scuola ha predisposto griglie di valutazione disciplinare, in modo tale che in classi diverse le medesime discipline siano valutate nello stesso modo. Ciò permette uniformità nella valutazione e favorisce i rapporti tra docenti e alunni e tra docenti e genitori.

Secondo l’art. 2 del D.L. 1/09/08 n°137 in sede di scrutinio intermedio e finale viene valutato il comportamento di ogni studente durante tutto il periodo di permanenza nella sede scolastica anche in relazione alla partecipazione alle attività e agli interventi educativi.

La valutazione, espressa in decimi, è attribuita collegialmente dal consiglio di classe, concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se inferiore ai sei decimi, la non ammissione al successivo anno o all’esame conclusivo del ciclo.

A. Rispetto per se stessi

1 Impegno e partecipazione al lavoro scolastico
2 Cura della persona e del proprio linguaggio
3 Uso responsabile del materiali

B. Rispetto per gli altri

1 Osservanza del regolamento di istituto
2 Rispetto del personale della scuola
3 Rispetto e correttezza nei rapporti con i compagni
4 Rispetto del materiale altrui

C. Rispetto per l’ambiente

1 Utilizzo responsabile delle strutture e del materiale della scuola
2 Utilizzo appropriato degli spazi comuni
3 Comportamento responsabile e in ogni momento della vita scolastica

Tabella di valutazione

9-10 Comportamento soddisfacente nei tre ambiti con punte di eccellenza.
8 Comportamento soddisfacente nei tre ambiti.
7 Comportamento non soddisfacente in almeno uno dei seguenti indicatori: B2, B3, C3
Oppure un comportamento non soddisfacente in almeno tre degli altri indicatori.
6 Comportamento non corretto in almeno due dei seguenti indicatori: B2, B3, C3;
oppure un comportamento non corretto in uno di questi tre e in altri tre degli altri indicatori;
oppure un comportamento non corretto in cinque degli altri indicatori.
5 Comportamento gravemente scorretto.

In allegato la scheda per intero scaricabile